30 Luglio 2013

DIFENDERE LA FAMIGLIA NON È OMOFOBIA

Filed under: OMOFOBIA — giacomo.campanile @ 07:28

http://www.famigliacristiana.it/articolo/lotta-contro-l-omofobia-non-contro-il-diritto-di-esprimersi-liberamente.aspx

Le conseguenze paradossali e assurde della legge sull’omofobia attualmente all’esame della Commissione Giustizia della Camera.

Rendere più severe le pene per chi commette atti violenti a carattere omofobico, non è affatto in discussione. Anzi! C’è piena approvazione. Ciò che crea grande perplessità, invece, è il voler penalizzare a tutti i costi (mettendola a tacere) la libertà di pensiero e di opinione, ponendo sullo stesso piano coloro che compiono discriminazioni e abusi con chi, per ragioni di fede e/o di principi morali, vede nella famiglia tradizionale, costituita dall’unione tra un uomo e una donna, un modello valido da seguire e proporre alla società intera. O con chi, per gli stessi motivi, non condivide la possibilità di far adottare i bambini da parte di coppie gay. Questa, in sintesi, la motivazione che ha spinto numerosi esponenti di tutti i gruppi politici (cattolici e non) a depositare circa 350 emendamentiper riconsiderare alcuni aspetti nevralgici del ddl contro l’omofobia. Nei giorni scorsi, di questa proposta di legge è stata avviata la fase di analisi e discussione da parte della Commissione Giustizia di Montecitorio. In questi giorni è prevista l’approvazione in aula.

Hanno generato seria preoccupazione anche altri aspetti. Innanzitutto, il contenuto dell’articolo 1della proposta di legge. Esso affronta la questione dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere, intesa come la «percezione che una persona ha di sé come appartenente al genere femminile o maschile, anche se opposto al proprio sesso biologico». Il rischio insito in una simile definizione è legato, secondo quanto denunciato dall’associazione “Giuristi per la vita” (che raccoglie avvocati ed esperti di diritto impegnati a difendere e tutelare la vita e la famiglia), al fatto di vedere la volontà individuale imporsi irrimediabilmente sulla realtà, per cui «non si è uomo o donna secondo il dato oggettivo derivante dalla natura, ma secondo il pensiero soggettivo capace di determinare ciò che si vuole essere». In altre parole, viene ad affermarsi in modo incondizionato la teoria del gender. Pericoloso ed estremamente ambiguo, inoltre, il risvolto che tale posizione eserciterebbe all’interno del mondo del lavoro. Da un lato, infatti, è chiaro che l’orientamento sessuale non possa costituire in sé stesso un elemento di discriminazione. Ma, d’altro lato, il ddl non potrà in alcun modo impedire agli enti o agli istituti religiosi di prediligere, per ruoli legati specificamente alla formazione, all’insegnamento o all’educazione, persone fedeli alle indicazioni morali che portano avanti le stesse istituzioni.

A tal proposito, gli emendamenti proposti da alcuni esponenti del Pdl (come Roccella, Costa e altri ancora), di Scelta Civica (Binetti, Marazziti, etc.), della Lega e del Pd (Preziosi, Bobba, Fioroni, etc.) sono nati con uno scopo ben preciso: ovvero non trasformare la legge da valido mezzo di tutela a favore delle persone divenute vittime di violenza e discriminazione a “strumento a buon mercato” per imporre modelli culturali, credenze e ideologie non accolte o condivise da tutti. Non si può, infatti, ritenere colpevole di un reato chi, per esempio, ritiene l’atteggiamento omosessuale una forma di peccato.
O ancora, una cosa è «combattere le associazioni razziste, un’altra è chiedere lo scioglimento forzato per associazioni che si battono contro il matrimonio gay», spiega Eugenia Roccella del Pdl.

Un ultimo punto controverso corrisponde a quella sezione della legge che intende punire con la reclusione fino a un anno e sei mesi chi incita a commettere oppure commette di sua iniziativa atti discriminatori a causa dell’orientamento o dell’identità di genere della vittima. In questo modo, sottolineano i “giuristi per la vita”, «non sarà più lecito sollecitare i parlamentari della Repubblica a non introdurre nella legislazione il “matrimonio” gay, o a escludere la facoltà di adottare un bambino a coppie omosessuali, né sarà più lecito organizzare una campagna di opinione per contrastare l’approvazione di una legge sul “matrimonio” gay o sull’adozione dei minori agli omosessuali». In sostanza, lo sfondo teorico di questo ddl si abbevera alla fonte di alcune ideologie, come quella del gender e del “matrimonio per tutti”.

Questo “ingombro”, tuttavia, rischia di oscurare l’obiettivo principale della proposta di legge contro l’omofobia: tutelare le vittime oggetto di discriminazione e favorire un percorso di maggiore tolleranza e rispetto. A conti fatti, si è ben lontani da questa prospettiva.

17 luglio 2013

Meluzzi sulla legge contro l’omofobia: “Mi ricorda tanto i regimi totalitari del secolo passato”

Filed under: OMOFOBIA — giacomo.campanile @ 07:24

http://www.nocristianofobia.org/meluzzi-sulla-legge-contro-lomofobia-mi-ricorda-tanto-i-regimi-totalitari-del-secolo-passato/

Alessandro MeluzziSe domani io sosterrò che dei bambini hanno indispensabilmente bisogno per il loro sviluppo di una figura materna e paterna, rischio di essere processato come omofobo. Non solo mi viene impedito di sostenere legittimamente una posizione che io considero giusta e irrinunciabile, ma il mio lavoro mi espone ad un giudizio penale”. Così Alessandro Meluzzi, celebre psichiatra e psicoterapeuta, in un’intervista in cui non cela il suo scetticismo verso una legge che rischia di essere un piano inclinato.
La sua è anche una critica contro la diffusione del relativismo. Siamo in una società in cui si può dire o sostenere qualsiasi cosa, anche la più incredibile, senza che nessuno limiti questa libertà di espressione. Eppure si vogliono creare delle zone d’ombra in cui il proprio punto di vista deve essere limitato. La legge sull’omofobia è uno di questi casi, nei quali “
introduciamo una sorta di dogma e sfido chiunque a trovarne di simili”. “Credo che per contenere dei fenomeni degenerativi come l’intolleranza,” continua Meluzzi “si stia forzando con i concetti la natura delle cose e stiamo rischiando di produrre una società di tipo orwelliano”.
E per chi non crede che tutto questo possa diventare una realtà, conclude: “Ne riparleremo quando ci saranno i primi processi”.
***
22 luglio 2013
Meluzzi: «Ddl anti-omofobia? Da medico potrei essere radiato. Droghe leggere? Rischierà più un padre per un bicchiere di vino»

«Con questa legge contro l’omofobia il mio lavoro mi espone al rischio di essere processato come omofobo. E quindi a un giudizio penale». Non parla tanto Alessandro Meluzzi, quanto lo psichiatra e psicoterapeuta, criminologo e docente di psichiatria forense, che intervistato da IntelligoNews, dice la sua sul ddl anti-omofobia che sta per arrivare in Aula a Montecitorio. E ne evidenzia tutte le contraddizioni oltre che gli eccessi di una legge «che mi ricorda tanto i regimi totalitari del secolo passato».

«Se domani, di fronte ad un bambino che deve essere dato in adozione, sosterrò da medico l’opportunità che venga dato ad una coppia dove ci sia una mamma e un papà, rischierò di essere espulso dall’ordine dei medici»: aggiunge Meluzzi, che è anche il fondatore della Comunità Agape, Madre dell’Accoglienza.

E sull’eventuale riforma sulla droga che mira ad alleviare le pene è drastico, siamo alla follia: « Se un padre di famiglia alla fine di una cena a base di fritto misto ha bevuto un quarto di vino, e viene fermato e accertato il superamento del tasso alcolico consentito, gli ritirano la patente per 6 mesi oltre a incorrere nel penale. Al contrario, con questa riforma, a un giovane che si fa di canne gli diamo la medaglia, e dopo che lo abbiamo sorpreso a guidare in condizioni di grave alterazione della percezione spazio-temporale, quale quella prodotta dal tetraidrocannabinolo, lo lasciamo andare».

Legge contro l’omofobia.  Diverse le resistenze e le obiezioni al ddl, il 26 luglio approderà nell’Aula di Montecitorio con il progetto di approvarla prima delle ferie. Qual è la sua opinione?
«Si inserisce forzosamente il concetto di reato di opinione. Se domani io sosterrò che dei bambini hanno indispensabilmente bisogno per il loro sviluppo, psicologico, identitario, psicosessuale, di una figura materna e paterna, quindi di genere diverso, rischio di essere processato come omofobo. Non solo mi viene impedito di sostenere legittimamente una posizione che io considero giusta e irrinunciabile, ma il mio lavoro mi espone ad un giudizio penale. Un modo di pensare così, mi ricorda tanto i regimi totalitari del secolo passato».

Quindi c’è anche un problema professionale per voi medici se verrà approvato il testo base?
«Se un domani, di fronte ad un bambino che deve essere dato in adozione, sosterrò da medico l’opportunità che venga dato ad una coppia dove ci sia una mamma e un papà, rischierò di essere espulso dall’ordine dei medici. Ma mi sarà vietato di esprimere un’opinione così in qualsiasi sede. Tanto più l’analisi è tecnica, penso ad una valutazione peritale per esempio, tanto più il rischio per me è alto».

Cosa risponde a chi dice che questi sono esempi paradossali?
«Che hanno una strana idea del paradosso. I miei esempi hanno un contenuto reale. Noi viviamo in un mondo dove si può sostenere qualsiasi cosa, si può sostenere che esiste Dio o che non esiste senza correre rischi, si può sostenere che si può mangiare carne o vegetariano senza che questo rappresenti un pericolo per la salute, si può sostenere che si devono abolire i motori a scoppio perché producono anidride carbonica… Ma ora, e questo è il caso, introduciamo una sorta di dogma e sfido chiunque a trovarne di simili».

Scalfarotto afferma che questo è uno dei casi in cui la norma ha un effetto simbolico. E’ d’accordo?
«Ne riparleremo quando ci saranno i primi processi. La trovo una cosa di una pericolosità estrema, che crea, tra l’altro, un precedente che domani potrebbe essere applicato a qualsiasi cosa».

Si prevedono campi di rieducazione per gli omofobi. Che ne pensa?
«In questa vicenda, siamo alle estreme conseguenze della dittatura culturale del politicamente corretto. Lo dico senza alcun livore: credo che per una serie di meccanismi psicologico-sociali -per contenere sicuramente dei fenomeni degenerativi come l’ìntolleranza- si stia forzando con i concetti la natura delle cose e stiamo rischiando di produrre una società di tipo orwelliano».

La riforma sulla droga mirerà ad allievare le pene. Da medico ha qualcosa da obiettare?
«Qui siamo alla follia nella follia. Non solo si incentiva il consumo, ma si sdrammatizza una situazione tutt’altro che irrilevante. Anche perché i derivati della canna indiana hanno un’azione psicodislettica, che soprattutto nei cervelli in via di sviluppo, favorisce psicosi latenti. Qui mi pare che ci troviamo di fronte a qualcosa di molto pericoloso. Mi sorprende che con lo stato in cui è ridotto questo Paese anziché pensare di rilanciare economia, lavoro e produzione, il Parlamento si occupi di queste questioni che sono discutibilissime e, rispetto alla drammaticità della situazione, assolutamente marginali. Io non credo che la grande preoccupazione delle famiglie sia che i loro figli possano coltivarsi la marijuana sul balcone, né credo che il problema principale dei bambini sia di avere la libertà di poter essere adottati da una coppia gay».

Ci può portare un’esperienza che dimostri quanto una legge del genere sia pericolosa per i giovani?
«Ma sappiamo tutti che il tetraidrocannabinolo (THC) è uno psicodislettico. Tanto che viene usato nella terapia del dolore per i malati terminali. Non credo che possiamo assimilare un adolescente ad una malato di cancro o con un glaucoma inguaribile. Se è così, anche la morfina fa bene ai malati terminali, solo per questo può essere somministrata nella scuola media, perché tutto sommato può essere utile contro il mal di denti? E’ una distorsione, retorica e totale, della realtà».

Se si mette mano alla parte penalistica, alleggerendola o eliminandola, i ragazzi si sentiranno più incentivati a fare uso di droghe leggere?
«Certo. I ragazzi hanno molta paura del ritiro delle patente, così come della segnalazione alla Prefettura. Io sono allibito: da una parte diventiamo draconiani sull’uso dell’alcol il sabato sera, per esempio se uno beve due birre viene arrestato e gli viene ritirata la patente, e dall’altra parte permettiamo che sostanze -secondo me più pericolose dell’alcol- vengano liberamente consumate. Se un padre di famiglia alla fine di una cena a base di fritto misto ha bevuto un quarto di vino e viene fermato e accertato il superamento del tasso alcolico consentito, gli ritirano la patente per 6 mesi oltre a incorrere nel penale. Al contrario, con questa riforma, a un giovane che si fa di canne gli diamo la medaglia, e dopo che lo abbiamo sorpreso a guidare in condizioni di grave alterazione della percezione spazio-temporale, quale quella prodotta dal tetraidrocannabinolo, lo lasciamo andare. Mi domando se stiamo impazzendo».

Marta Moriconi

26 Luglio 2013

Legge omofobia, si va verso il totalitarismo

Filed under: OMOFOBIA — giacomo.campanile @ 11:37

http://www.lanuovabq.it/it/articoli-negri-legge-omofobia-si-va-verso-il-totalitarismo-6952.htm

«Questo della legge sull’omofobia è un fatto gravissimo, è la sconfitta dello Stato laico e l’affermarsi di una nuova tendenza totalitaria. E in tutto questo la cristianità sembra assente». E’ quanto afferma monsignor Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara-Comacchio in questa intervista a La Nuova Bussola Quotidiana, primo pastore italiano a prendere chiaramente posizione su questo tentativo di far passare con una procedura d’urgenza la legge anti-omofobia che – come La Nuova BQ sta documentando da settimane –  è una legge contro la libertà di espressione e contro la libertà religiosa.

Monsignor Negri, perché una legge sull’omofobia è un fatto gravissimo?
Intanto questa legge è un’ammissione di impotenza da parte dello Stato.

In che senso?
In tutta questa vicenda ci sono delle questioni sostanziali che vengono ridotte o addirittura dimenticate. La prima è che alla coscienza dell’uomo della strada – quale io sono – non è affatto chiaro perché lo Stato abbia bisogno di difendere particolarmente una certa categoria di cittadini. Questa legge in sostanza dice che ci sono dei cittadini che devono essere difesi nei loro diritti al di là dei diritti che ogni cittadino italiano gode per il fatto che è parte della società italiana. E’ evidente allora che c’è una debolezza dello Stato: è come se lo stato dicesse che c’è bisogno di qualcosa di eccezionale per consentire a questi cittadini italiani di vivere adeguatamente i loro diritti di cittadini. Il che mi sembra obiettivamente una cosa assurda.
In ogni caso nessuna spiega in che cosa questi cittadini omosessuali – pratici o teorici che siano – devono essere particolarmente difesi. E vorremmo sapere quali sono le ragioni di necessità obiettiva, culturale, storica e sociale per cui si invoca questa situazione di eccezionalità. Perché anche situazioni di fatto, retaggio del passato e che comunque in Italia sono un fenomeno abbastanza ridotto, sono più che altro segno di inciviltà e di barbarie che si aiuta a risolvere con l’educazione e non con le leggi.

Peraltro lo si fa con una procedura d’urgenza, lasciando indietro situazioni che ogni cittadino può giudicare ben più importanti: la crisi economica, il lavoro, la lentezza della giustizia.
E infatti non si comprende questo carattere di urgenza, un’urgenza tale da autorizzare la presentazione di un disegno di legge che – lo si vede dalle reazioni –  apre scenari impegnativi. E qui entra un secondo punto di estrema gravità, ovvero la strada che si è scelta per questa difesa di una categoria particolare.

Si riferisce al reato d’opinione?
Esattamente. Perché la strada che si è scelta poco o tanto finirà per adombrare nel nostro paese il reato di opinione. E qualsiasi, pur frettoloso, studioso della realtà sociale e politica dell’Europa sa che il reato di opinione non è un segno né di democrazia né di una concezione ampia e seria della vita sociale. Nel caso specifico, accadrà che il solo esplicitare le ragioni per cui in forza di precise convinzioni di carattere personale, sociale, culturale, religioso si ritiene che l’omosessualità sia una realtà non condivisibile, metterà in una posizione di discriminazione. Il cattolico, per esempio, che ritiene in perfetta buona fede sul piano della sua esperienza personale di appartenenza alla grande tradizione della Chiesa cattolica che l’omosessualità sia un fatto di disordine, potrà essere addirittura inquisito perché metterebbe in crisi i diritti della minoranza-maggioranza omosessuale.

In sostanza lei dice che a essere discriminati sarebbero coloro che, ad esempio, ritengono ingiusto il matrimonio tra persone dello stesso sesso.
Si aprirebbe una discriminazione gravissima di carattere teorico ancorché pratico fra le varie opinioni presenti nel nostro paese. E questo ci riporterebbe a una situazione più o meno implicita di dittatura. Ricordo che la laicità della nostra vita sociale è ribadita in maniera esplicita dalla Carta Costituzionale che ha messo fine a un periodo di dittatura dove i delitti di opinione erano all’ordine del giorno. Ora si vorrebbe  che una opinione, che delle opzioni di carattere sociale vengano di fatto privilegiate dallo Stato al punto che chi in qualche modo ha delle obiezioni di carattere culturale e religioso su queste posizione corre il rischio di essere considerato reo di delitti o di reati di opposizione a una convinzione che non può e non deve essere messa in discussione. In una situazione autenticamente laica e democratica non ci devono essere posizioni che non possano essere discusse, che non possano essere accettate e che possano essere vissute con piena libertà in una vita sociale che proprio nella diversità delle posizioni trova la sua ricchezza.

Però la Costituzione vieta anche delle opinioni.
Certo, la Costituzione ha stabilito ben prima di questo disegno di legge che ci sono delle opinioni che possono e debbono essere contestate dallo Stato, ma si tratta di quelle che mettono tra i loro principi fondamentali e i loro obiettivi la distruzione della situazione culturale e sociale che caratterizza il nostro paese. Non è certo questo il caso. Pare evidente quindi che questi iper-apostoli – se può essere usata questa espressione – questi cittadini le cui convinzioni non possono e non debbono essere messe in discussione, rappresentano un fatto di anomalia e quasi una metastasi nella vita della nostra società. La nostra società vive se tutti i nostri cittadini italiani possono essere veramente liberi di vivere, di esplicitare, di attuare nella vita sociale quelle convinzioni – anche le più diverse – che hanno raggiunto per un cammino personale di coscienza, di approfondimento, di educazione, in cui consiste la loro identità profonda.

Insomma lei ritiene che questa legge, se passasse, ci farebbe scivolare verso una nuova forma di totalitarismo.
Mi pare oggettivo che si stia risvegliando una tendenza totalitaria nella vita sociale dello Stato, perché tutte le volte che in una situazione sociale e politica si privilegia una posizione a danno delle altre, che vengono in qualche modo ridotte quando non negate, si crea una ferita nella vita democratica e laica del paese. Vorrei ricordare a quei signori che hanno presentato questo disegno di legge e a maggior ragione a tutti quelli che si preparano a discuterne che il Novecento, il XX secolo, è terribilmente ricco di esperienze sociali in cui dei cittadini sono stati privati della loro libertà di vivere esplicitamente le convinzioni profonde della loro esistenza e sono stati addirittura privati della vita perché le loro convinzioni erano considerate negative o minacciose per lo stato, fascista o comunista che fosse.

Oggi domina il laicismo…
…Che ha una doppia faccia: la faccia di una realtà che ha intrapreso una battaglia anche lunga per l’affermazione dei principi fondamentali della laicità del paese, della società e dello Stato; ma – e questo è innegabile storicamente a meno di negare l’evidenza – dal laicismo è sorta anche quella tendenza di carattere totalitario sul piano ideologico e politico per cui la gente è stata privata crudelmente della propria possibilità di esprimere i propri diritti. Questo semplicemente perché le loro convinzioni non coincidevano con le convinzioni di taluni che lo Stato o il Partito aveva fatto proprie e riteneva assolutamente indiscutibili. E tali convinzioni si imponevano a tutti i cittadini con la forza della violenza di stato.

C’è però da dire che anche tra i cattolici non pare esserci un giudizio chiaro e univoco.
E’ indubbio che mentre il Paese è impegnato per volontà dei legislatori e del Parlamento in uno snodo difficilissimo della sua vita sociale sembra che la cristianità italiana non sia presente. E per cristianità intendo la realtà istituzionale della Chiesa, le realtà laicali, le realtà associative, tutto il complesso del popolo di Dio che vive oggi in Italia, senza evidenziare maggiori o minori responsabilità. La cristianità non è presente con una chiarezza di motivazioni, con una chiarezza di identità. La libertà è un valore assolutamente unico e indivisibile, bisogna lavorare per la propria libertà – ci invitava Giovanni Paolo II – perché lavorare per la propria libertà è lavorare per la libertà di tutti, accettare di ridurre o perdere la propria libertà è perdere e ridurre la libertà di tutta la società.

Lei dice che non c’è una chiarezza di motivazioni, eppure la Dottrina sociale della Chiesa è molto chiara su questi punti.
Avremmo infatti tutta la forza del Magistero sociale che non ha mai fatto sconti di fronte alle pretese delle istituzioni, qualunque esse siano, di intervenire nello spazio della libertà di coscienza personale.  Le proprie preferenze culturali, le proprie preferenze sessuali, le proprie pratiche sessuali sono un fatto che attiene alla libertà della coscienza individuale, personale, di gruppo, non sono una competenza dello Stato. Se lo Stato interviene non importa se per difendere o attaccare le concezioni e pratiche di carattere personale o sessuale, compie lo stesso errore di identificare la sua azione in campi in cui non può e non deve intervenire.
In questa vicenda della legge sull’omofobia c’è dunque in gioco la libertà della coscienza personale e sociale, c’è in gioco la laicità dello Stato. Per la cristianità italiana è una grande occasione per una testimonianza corale.

Intende la necessità di una battaglia?
Non si devono scomodare termini verso i quali c’è una assoluta e motivata idiosincrasia – battaglia, confronto, e così via – ma certamente è necessaria una testimonianza corale della cristianità. Proprio la passione per la nostra identità di fede ci rende appassionati per la vita e la democraticità del paese. Come ricordava Giovanni Paolo II nella terza, straordinaria, parte della Redemptor Hominis, proprio per l’esperienza di fede ecclesiale che viviamo noi siamo buoni cristiani e autentici cittadini del nostro paese, senza nessuna riduzione e senza nessuna discriminazione.

Lei crede che un ripensamento del Parlamento sia ancora possibile?
Quello che è in gioco è sostanziale, per cui mi auguro che prevalga quella famosa cosa che Manzoni diceva essersi perduta o essersi nascosta durante la grande querelle sulla peste di Milano: il buon senso. Mi pare che ci voglia una grande iniezione di buon senso da parte di tutti quelli che intervengono in questa vicenda, che non ci siano scompensi di carattere demagogico, populistico, che non fanno bene al nostro paese, già così provato dal punto di vista della identità culturale e sociale.

16 Luglio 2013

Preghiere in latino

Filed under: Preghiera — giacomo.campanile @ 06:37

Il Padre nostro (in latino: Pater Noster; in greco antico: Πάτερ ἡμῶν, Páter hemôn), così chiamato dalle parole iniziali, detto anche Preghiera del Signore (in latino: Oratio Dominica), è la più conosciuta delle preghiere cristiane.

Sono note due versioni della preghiera: la formula riportata nel Vangelo secondo Matteo durante il Discorso della Montagna (Matteo 6:9-13 ), e la forma più breve secondo quanto riportato nel Vangelo secondo Luca (11,1),

Padre Nostro

Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Croce Amen.

Pater Noster

Pater noster, qui es in cælis:
sanctificétur Nomen Tuum:
advéniat Regnum Tuum:
fiat volúntas Tua,
sicut in cælo, et in terra.
Panem nostrum
cotidiánum da nobis hódie,
et dimítte nobis débita nostra,
sicut et nos
dimíttimus debitóribus nostris.
et ne nos indúcas in tentatiónem;
sed líbera nos a Malo.

Croce Amen.

Risultati immagini per padre nostro latino

Risultati immagini per padre nostro latino

Preghiera del Padre Nostro in lingua greca originale:

Πάτερ ἡμῶν ὁ ἐν τοῖς οὐρανοῖς
ἁγιασθήτω τὸ ὄνομά σου·
ἐλθέτω ἡ βασιλεία σου·
γενηθήτω τὸ θέλημά σου,
ὡς ἐν οὐρανῷ καὶ ἐπὶ τῆς γῆς·
τὸν ἄρτον ἡμῶν τὸν ἐπιούσιον δὸς ἡμῖν σήμερον·
καὶ ἄφες ἡμῖν τὰ ὀφελήματα ἡμῶν,
ὡς καὶ ἡμεῖς ἀφίεμεν τοῖς ὀφειλέταις ἡμῶν·
καὶ μὴ εἰσενέγκῃς ἡμᾶς εἰς πειρασμόν,
ἀλλὰ ῥῦσαι ἡμᾶς ἀπὸ τοῦ πονηροῦ.
[Ὅτι σοῦ ἐστιν ἡ βασιλεία καὶ ἡ δύναμις καὶ ἡ δόξα εἰς τοὺς αἰῶνας·]
ἀμήν.

Traslitterazione del Padre Nostro in lingua greca:

Pater hēmōn, ho en tois ouranois
hagiasthētō to onoma sou;
elthetō hē basileia sou;
genethetō to thelēma sou,
hōs en ouranōi, kai epi tēs gēs;
ton arton hēmōn ton epiousion dos hēmin sēmeron;
kai aphes hēmin ta opheilēmata hēmōn,
hōs kai hēmeis aphiemen tois opheiletais hēmōn;
kai mē eisenenkēs hēmas eis peirasmon,
alla rhusai hēmas apo tou ponērou.
[Hoti sou estin hē basileia, kai hē dúnamis, kai hē doxa eis tous aiōnas;]
Amēn.

INGLESE

 

Our father, which art in heaven,

hallowed be thy name.

Thy kingdom come.

Thy will be done on earth as it is in heaven.

Give us this day our daily bread.

And forgive us our debts, as we forgive our debtors.

And lead us not into temptation,

but deliver us from evil. Amen.

 

FRANCESE

 

Notre père, qui es aux cieux,

que ton nom soit sanctifié.

Que ton règne vienne.

Que ta volonté soit faite sur la terre comme au ciel.

Donne-nous aujourd’hui notre pain quotidien.

Et pardonne-nous nos offenses, comme nous pardonnons à ceux qui nous ont offensés.

Et ne nous induis point en tentation,

mais délivre-nous du mal. Amen.
TEDESCO

 

Vater unser in Himmel,

geheiligt werde Dein Name;

Dein Reich komme;

Dein wille geschehe, wie in Himmel so auf Erden;

unser tägliches Brot gib uns heute;

und vergib uns unsere Schuld,

wie auch wir vergeben unseren Schuldigern.

nd führe uns nicht in Versuchung,

sondern erlöse uns von dem Bösen. Amen.
SPAGNOLO

 

Padre nuestro, que estás en el cielo,

santificado sea tu Nombre;

venga tu reino;

hágase tu voluntad en la tierra como en el cielo;

da nos hoy nuestro pan de cada día;

perdona nuestras ofensas,

como tambien nosotros perdonamos a los que nos ofenden;

no nos dejes caer en tentación,

y líbra nos del mal.
PORTOGHESE

 

Pai nosso, que estás nos céus: santificado seja o teu nome.

Venha o teu reino.

Seja feita a tua vontade,

assim na terra, como no céu.

O pão nosso de cada dia nos dà hoje.

E perdoa-nos as nossas dìvidas,

assim como nós perdoamos aos nossos devedores.

E não nos induzas á tentação, mas livra-nos do mal. Amen.
OLANDESE

 

Onze Vader,
die in de hemelen zijt,
Uw naam worde geheiligd.
Uw rijk kome,
Uw wil geschiede op aarde zoals als in de hemel.
Geef ons heden ons dagelijks brood,
en vergeef ons onze schuld,
zoals ook wij aan anderen hun schuld vergeven.
En leid ons niet in bekoring,
maar verlos ons van het kwade. Amen.
POLACCO

 

Ojcze nasz,
któryś jest w niebie,
święć się imię Twoje,
przyjdź Królestwo Twoje,
bądź wola Twoja
jako w niebie, tak i na ziemi,
chleba naszego powszedniego daj nam dzisiaj,
i odpuść nam nasze winy,
jako i my odpuszczamy naszym winowajcom,
i nie wódź nas na pokuszenie,
ale nas zbaw ode złego. Amen.

(grazie a Gustaw Jokiel per la revisione)
UNGHERESE

 

Mi Atyánk,
aki a mennyekben vagy,
szenteltessék meg a te neved;
jöjjön el a te országod;
legyen meg a te akaratod,
amint a mennyben, úgy a földön is.
Mindennapi kenyerünket add meg nekünk ma;
és bocsásd meg vétkeinket,
miképpen mi is megbocsátunk
az ellenünk vétkezöknek;
és ne vígy minket kísértésbe;
de szabadíts meg a gonosztól. Ámen.
DANESE

 

Vor Fader, du som er i Himlene!
Helliget vorde dit navn;
komme dit rige;
ske din vilje
på jorden, som den sker i Himmelen;
giv os i dag vort daglige brød;
og forlad os vor skyld,
som også vi forlader vore skyldnere;
og led os ikke ind i fristelse;
men fri os fra det onde;
thi dit er Riget og magten og æren i evighed. Amen.
SVEDESE

 

Vår fader, du som är i himlen.
Låt ditt namn bli helgat.
Låt ditt rike komma.
Låt din vilja ske,
på jorden så som i himlen.
Ge oss i dag vårt bröd för dagen som kommer.
Och förlåt oss våra skulder,
liksom vi har förlåtit dem som står i skuld till oss.
Och utsätt oss inte för prövning,
utan rädda oss från det onda.
Ditt är riket. Din är makten och äran i evighet. Amen.
NORVEGESE

 

Fader vår, du som er i himmelen!
Helliget vorde ditt navn;
komme ditt rike;
skje din vilje,
som i himmelen, så og på jorden;
gi oss idag vårt daglige brød;
og forlat oss vår skyld,
som vi og forlater våre skyldnere;
og led oss ikke inn i fristelse;
men fri oss fra det onde.
For riket er ditt,
og makten og æren i evighet. Amen.
FINLANDESE

 

Isä meidän, joka olet taivaissa.
Pyhitetty olkoon sinun nimesi.
Tulkoon sinun valtakuntasi.
Tapahtukoon sinun tahtosi myös maan päällä niin kuin taivaassa.
Anna meille tänä päivänä jokapäiväinen leipämme.
Ja anna meille anteeksi velkamme,
niin kuin mekin annamme anteeksi velallisillemme.
Äläkä saata meitä kiusaukseen,
vaan päästä meidät pahasta. Aamen.
CECO

 

Otce nás, jenz jsi na nebesích,

posvet’ se jméno tvé.

Prijd království tvé.

Bud’ vule tvá jako v nebi,

tak i na zemi.

Chléb nas vezdejsí dej nám dnes.

A odpust’ nám nase viny, jako i my odpoustime nasim viníkum.

A neuved’ nás v pokusení, ale zbav nás os zlého. Amen.

 

SLOVACCO

 

Otce nás,
ktorý si na nebejiach!
Posvät’ sa meno Tvoje;
prid k nám král’ostvo Tvoje;
bud’ vólá Tvoja
jako v nebi, tak i na zemi!
Chlieb nás vozd’ajsi daj nám dnes,
a odpust’ nám nase viny,
jako i my odpúst’ame nasim vinnikom;
a neuvvod’ nás v pokusenie;
ale zbav nás od zlého. Amen.
SLOVENO

 

Oce nas, ki si v nebesibl,

posvceno bodi tvoje ime,

pridi k nam tvoje kraljestvo,

zgodi se tvoja volja,

kakor v nebesih tako na zemlij.

Daj nam danes nas vsakdanji kruh,

in odpusti nam nase dolznikom,

in ne vpelji nas v skusnjavo,

temvec resi nas hudega. Amen.
CROATO

 

Oce nas,
koji jesi na nebesima,
sveti se ime Tvoje,
dodji kraljevstvo Tvoje,
budi volja Tvoja kako na nebu tako i na zemlji.
Kruh nas svagdanji daj nam danas
i otpusti nam duge nase,
kako i mi otpustamo duznicima nasim,
i ne uvedi nas u napast,
nego izbavi nas od zla. Amen.
SERBO

 

Oce nash,
izhe jesi na nebesjeh!
Da svjatitsja imja Tvoje;
Da pridet carstvije Tvoje;
Da budet volja Tvoja,
Jako na nebesi i na zemlji;
Hleb nash nasushni dazd nam dnes;
I ostavi nam dolgi nashja
Jakozhe i mi ostavljajem dolzhnikom nashim;
I nevovedi nas vo iskushenije;
No izbavi nas ot lukavago.
Jako Tvoje jest Carstvo i sila i slava,
Oca i Sina, i svjatoga Duha, ninje i prisno
i vo vjeki vjekov. Amen.

INGLESE

Our father, which art in heaven,

hallowed be thy name.

Thy kingdom come.

Thy will be done on earth as it is in heaven.

Give us this day our daily bread.

And forgive us our debts, as we forgive our debtors.

And lead us not into temptation,

but deliver us from evil. Amen.

FRANCESE

Notre père, qui es aux cieux,

que ton nom soit sanctifié.

Que ton règne vienne.

Que ta volonté soit faite sur la terre comme au ciel.

Donne-nous aujourd’hui notre pain quotidien.

Et pardonne-nous nos offenses, comme nous pardonnons à ceux qui nous ont offensés.

Et ne nous induis point en tentation,

mais délivre-nous du mal. Amen.

TEDESCO

Vater unser in Himmel,

geheiligt werde Dein Name;

Dein Reich komme;

Dein wille geschehe, wie in Himmel so auf Erden;

unser tägliches Brot gib uns heute;

und vergib uns unsere Schuld,

wie auch wir vergeben unseren Schuldigern.

nd führe uns nicht in Versuchung,

sondern erlöse uns von dem Bösen. Amen.

SPAGNOLO

Padre nuestro, que estás en el cielo,

santificado sea tu Nombre;

venga tu reino;

hágase tu voluntad en la tierra como en el cielo;

da nos hoy nuestro pan de cada día;

perdona nuestras ofensas,

como tambien nosotros perdonamos a los que nos ofenden;

no nos dejes caer en tentación,

y líbra nos del mal.

PORTOGHESE

Pai nosso, que estás nos céus: santificado seja o teu nome.

Venha o teu reino.

Seja feita a tua vontade,

assim na terra, como no céu.

O pão nosso de cada dia nos dà hoje.

E perdoa-nos as nossas dìvidas,

assim como nós perdoamos aos nossos devedores.

E não nos induzas á tentação, mas livra-nos do mal. Amen.

OLANDESE

Onze Vader,
die in de hemelen zijt,
Uw naam worde geheiligd.
Uw rijk kome,
Uw wil geschiede op aarde zoals als in de hemel.
Geef ons heden ons dagelijks brood,
en vergeef ons onze schuld,
zoals ook wij aan anderen hun schuld vergeven.
En leid ons niet in bekoring,
maar verlos ons
 van het kwade. Amen.

POLACCO

Ojcze nasz,
któryś jest w niebie,
święć się imię Twoje,
przyjdź Królestwo Twoje,
bądź wola Twoja
jako w niebie, tak i na ziemi,
chleba naszego powszedniego daj nam dzisiaj,
i odpuść nam nasze winy,
jako i my odpuszczamy naszym winowajcom,
i nie wódź nas na pokuszenie,
ale nas zbaw ode złego. Amen.

(grazie a Gustaw Jokiel per la revisione)

UNGHERESE

Mi Atyánk,
aki a mennyekben vagy,
szenteltessék meg a te neved;
jöjjön el a te országod;
legyen meg a te akaratod,
amint a mennyben, úgy a földön is.
Mindennapi kenyerünket add meg nekünk ma;
és bocsásd meg vétkeinket,
miképpen mi is megbocsátunk
az ellenünk vétkezöknek;
és ne vígy minket kísértésbe;
de szabadíts meg a gonosztól. Ámen.

DANESE

Vor Fader, du som er i Himlene!
Helliget vorde dit navn;
komme dit rige;
ske din vilje
på jorden, som den sker i Himmelen;
giv os i dag vort daglige brød;
og forlad os vor skyld,
som også vi forlader vore skyldnere;
og led os ikke ind i fristelse;
men fri os fra det onde;
thi dit er Riget og magten og æren i evighed. Amen.

SVEDESE

Vår fader, du som är i himlen.
Låt ditt namn bli helgat.
Låt ditt rike komma.
Låt din vilja ske,
på jorden så som i himlen.
Ge oss i dag vårt bröd för dagen som kommer.
Och förlåt oss våra skulder,
liksom vi har förlåtit dem som står i skuld till oss.
Och utsätt oss inte för prövning,
utan rädda oss från det onda.
Ditt är riket. Din är makten och äran i evighet. Amen.

NORVEGESE

Fader vår, du som er i himmelen!
Helliget vorde ditt navn;
komme ditt rike;
skje din vilje,
som i himmelen, så og på jorden;
gi oss idag vårt daglige brød;
og forlat oss vår skyld,
som vi og forlater våre skyldnere;
og led oss ikke inn i fristelse;
men fri oss fra det onde.
For riket er ditt,
og makten og æren i evighet. Amen.

FINLANDESE

Isä meidän, joka olet taivaissa.
Pyhitetty olkoon sinun nimesi.
Tulkoon sinun valtakuntasi.
Tapahtukoon sinun tahtosi myös maan päällä niin kuin taivaassa.
Anna meille tänä päivänä jokapäiväinen leipämme.
Ja anna meille anteeksi velkamme,
niin kuin mekin annamme anteeksi velallisillemme.
Äläkä saata meitä kiusaukseen,
vaan päästä meidät pahasta. Aamen.

CECO

Otce nás, jenz jsi na nebesích,

posvet’ se jméno tvé.

Prijd království tvé.

Bud’ vule tvá jako v nebi,

tak i na zemi.

Chléb nas vezdejsí dej nám dnes.

A odpust’ nám nase viny, jako i my odpoustime nasim viníkum.

A neuved’ nás v pokusení, ale zbav nás os zlého. Amen.

SLOVACCO

Otce nás,
ktorý si na nebejiach!
Posvät’ sa meno Tvoje;
prid k nám král’ostvo Tvoje;
bud’ vólá Tvoja
jako v nebi, tak i na zemi!
Chlieb nás vozd’ajsi daj nám dnes,
a odpust’ nám nase viny,
jako i my odpúst’ame nasim vinnikom;
a neuvvod’ nás v pokusenie;
ale zbav nás od zlého. Amen.

SLOVENO

Oce nas, ki si v nebesibl,

posvceno bodi tvoje ime,

pridi k nam tvoje kraljestvo,

zgodi se tvoja volja,

kakor v nebesih tako na zemlij.

Daj nam danes nas vsakdanji kruh,

in odpusti nam nase dolznikom,

in ne vpelji nas v skusnjavo,

temvec resi nas hudega. Amen.

CROATO

Oce nas,
koji jesi na nebesima,
sveti se ime Tvoje,
dodji kraljevstvo Tvoje,
budi volja Tvoja kako na nebu tako i na zemlji.
Kruh nas svagdanji daj nam danas
i otpusti nam duge nase,
kako i mi otpustamo duznicima nasim,
i ne uvedi nas u napast,
nego izbavi nas od zla. Amen.

SERBO

Oce nash,
izhe jesi na nebesjeh!
Da svjatitsja imja Tvoje;
Da pridet carstvije Tvoje;
Da budet volja Tvoja,
Jako na nebesi i na zemlji;
Hleb nash nasushni dazd nam dnes;
I ostavi nam dolgi nashja
Jakozhe i mi ostavljajem dolzhnikom nashim;
I nevovedi nas vo iskushenije;
No izbavi nas ot lukavago.
Jako Tvoje jest Carstvo i sila i slava,
Oca i Sina, i svjatoga Duha, ninje i prisno
i vo vjeki vjekov. Amen.

Risultati immagini per padre nostro latino

Risultati immagini per padre nostro latino

Preghiera del Cybernauta

immagine

Signore, avevo voglia di viaggiare e di incontrare tanti fratelli e
Tu me ne hai dato la possibilità… Grazie!
Fa o Signore che i miei viaggi raggiungano sempre la loro meta: l’Amore.
Se incontrerò nuovi amici, camminerò gioiosamente con loro incontro a Te.
Se incontrerò delle persone che ti hanno smarrito cercherò di illuminarne la via del ritorno.
Se mi ascolteranno godrò con loro, se non mi ascolteranno, pregherò per loro.
Fa o Signore che Internet, questo potente mezzo di comunicazione sociale,
aiuti la Chiesa a fare di tutti i popoli un popolo solo: la Tua Famiglia.

(suor Carla Plotegher)

3 Luglio 2013

Agorà Cavalcata Solare GIUGNO 2013

Filed under: Musica — giacomo.campanile @ 23:38

Gli Agorà si formano nelle Marche all’inizio del 1974 e comprendono Roberto Bacchiocchi (piano), Ovidio Urbani (sax soprano), Renato Gasparini (chitarra), Paolo Colafrancesco (basso), Mauro Mencaroni (batteria)

Agorà Piramide di domani Live

http://www.youtube.com/watch?v=7IGx-37yILk&sns=fb

http://www.youtube.com/watch?v=714aS687Gys

Powered by WordPress. Theme by H P Nadig