25 novembre 2012

piccolocoromontale

Filed under: Piccolo coro del Montale — giacomo.campanile @ 20:44

HAPPY DAY CLASSE 1 B natale 2011

2010 E CANZONI DI NATALE CON DANZE

AUGURI DI NATALE CON IL CANTO. CONCERTO 09

INNO DEL MONTALE 2010 E CANTI DI NATALE

20 novembre 2012

CANZONI DI NATALE TESTI

Filed under: NATALE CANZONI — giacomo.campanile @ 11:05

A NATALE PUOI

Canti di Natale

NATALE GIACOMO

NATALE. Piccolo Coro Dell’antoniano

NATALE KING

NATALE SINATRA

NATALE BOCELLI

NATALE BUBLE

NATALE CARAY

School Christmas Songs 2016

Ariana Grande – Santa Tell Me

Glee – Jingle Bell Rock

Just Dance 3 Santa Clones Crazy Christmas

Michael Buble ft Thalia – Feliz Navidad

Michael Bublé | White Christmas

All I Want For Christmas Is You – Mariah Carey

Jingle Bells con testo

Silent Night with Lyrics

We Wish You a Merry Christmas, testo

Alessandra Amoroso – White Xmas Testo

Hallelujah – Alexandra Burke

Feliz Navidad- Jose Feliciano

Cantique de Noël (O Holy Night) by Andrea Bocelli

So This Is Christmas

Last Christmas

Santa Claus is coming to town- Mariah Carey

Andrea Bocelli – Gloria In Excelsis Deo (lyrics)

Adeste Fideles – Andrea Bocelli

Sister Act 2 – Oh happy Day

Inno del Montale

testo e musica di Giacomo Campanile
RE                   LA
Rit. E se mi sei vicino
SI-
Ti prendo per la mano
SOL
Per camminare insieme a te
RE               LA             SI-           RE
Noi siamo studenti del Montale
SOL                 LA
Amiamo la verità
RE            LA          SI-       RE
cerchiamo la vera libertà
SOL                  LA
Facciamo solidarietà

Rit.

Noi siamo studenti del Montale

Costruiamo una nuova civiltà

Verso il futuro noi guardiamo

Nella speranza noi viviamo

1. Nella notte tutta luce

Nella notte tutta luce per noi nato è il Salvator.

“Gloria in cielo pace in terra” acclamiamo il Dio d’amor.

Rit.: Gloria in excelsis Deo, Gloria in excelsis Deo!

O Signore, ci hai ridato innocenza e verità;

Ti rendiamo grazie e lode, Fonte eterna di bontà.

Rit.: Gloria in excelsis Deo, Gloria in excelsis Deo!

la tua pace, o Redentore, dono sia del tuo Natal,

il più caro e salutare per l’intera umanità

Rit.: Gloria in excelsis Deo, Gloria in excelsis Deo!


Feliz Navidad

Feliz Navidad

Feliz Navidad

Prospero Ano y Felicidad.

Feliz Navidad

Feliz Navidad

Feliz Navidad

Prospero Ano y Felicidad.

I wanna wish you a Merry Christmas

I wanna wish you a Merry Christmas

I wanna wish you a Merry Christmas

From the bottom of my heart.

2. Bianco Natale

Chitarra e voce G.Campanile

Quel lieve tuo candor, neve,
discende lieto nel mio cuor.
Nella notte santa il cuor esulta
d’amor, è Natale ancor.
E viene giù dal ciel lento,
un dolce canto ammaliator
che ti dice “Spera anche tu.”
È Natale, non soffrire più.
Oh…oh oh oh oh

3. Astro del ciel

Astro del ciel, Pargol divin, mite Agnello Redentor!
Tu che i Vati da lungi sognar, tu che angeliche voci nunziar,
luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!
luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

Astro del ciel, Pargol divin, mite Agnello Redentor!
Tu di stirpe regale decor, Tu virgineo, mistico fior,
luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!
Luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

Astro del ciel, Pargol divin, mite Agnello Redentor!
Tu disceso a scontare l’error, Tu sol nato a parlare d’amor,
luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!
Luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

4. Adeste Fideles

Adeste Fideles, Laeti triumphantes, Venite, venite in Bethlehem
Natum videte, Regem angelorum, Venite adoremus Dominum
Cantet nunc io, Chorus angelorum
Cantet nunc aula caelestium
Gloria, gloria, In excelsis Deo
Venite adoremus, Dominum
Ergo qui natus, Die hodierna
Jesu, tibi sit gloria, Patris aeterni
Verbum caro factus, Venite adoremus Dominum.

5. Tu scendi dalle stelle o Re del cielo

Tu scendi dalle stelle o Re del cielo,
e vieni in una grotta al freddo e al gelo,
e vieni in una grotta al freddo e al gelo.
O Bambino mio divino, io ti vedo qui a tremar.
O Dio beato!
Ah! Quanto ti costò l’avermi amato.
Ah! Quanto ti costò l’avermi amato.

A te che sei del mondo il Creatore,
mancano i panni e il fuoco, o mio Signore.
Mancano i panni e il fuoco, o mio Signore.
Caro eletto pargoletto, quanta questa povertà
più mi innamora, giacchè ti fece amor povero ancora.
Giacchè ti fece amor povero ancora.

6. Viva Gesù (Testo e musica di G.Campanile)

Viva Gesù, viva Gesù

Viva Gesù, oggi è nato

Mille le stelle che brillan lassù

Una sola è scesa tra noi

Ci porta alla culla di un Dio bambino

Il redentore è nato per noi

Rit.

Un nuovo giorno è sorto ormai

La luce vera è scesa tra noi

Un cuore nuovo ci donerà

Lo Spirito Santo speranza darà

Rit.

I tre re magi son giunti alla grotta

Si son prostrati per sempre ai suoi piedi

Hanno recato i doni antichi

Della promessa oro incenso e mirra

Rit.

Lode a Gesù osanna al Signore

al Figlio di Dio la gloria in eterno

Lode a Gesù osanna al Signore

al Figlio di Dio la gloria in eterno

7. Oggi è nato (Testo e musica di G.Campanile)

Oggi è nato il nostro Signore

luce del mondo pace dei cuor

Figlio di Dio re potente

umile bimbo pieno d’amore

rit. Non c’era posto nell’albergo

nella grotta nacque Gesù (2v.)

Verbo eterno bontà in finita

povero bimbo nato fra noi

Spirito Santo consolatore

con Maria doni il Signore

8. We Wish You A Merry Christmas

We wish you a Merry Christmas;
We wish you a Merry Christmas;
We wish you a Merry Christmas and a Happy New Year.
Good tidings we bring to you and your kin;
Good tidings for Christmas and a Happy New Year.

9. Oh Happy Day

Oh happy day, oh happy day

When Jesus washed, oh when He washed

When Jesus washed, He washed my sins away (oh happy day), Oh happy day

Oh happy day, oh happy day

When Jesus washed, oh when He washed

When Jesus washed, He washed the sins away (oh happy day), Oh happy day (Coro)

He taught me how to watch and pray, watch and pray

and we’ll rejoice everyday, everyday

Oh happy day, oh happy day

When Jesus washed, oh when He washed

When Jesus washed, He washed the sins away (oh happy day), Oh happy day

oh happy day, oh happy day
when Jesus washed, oh really washed
when Jesus washed, he washed my sins away
all right. I’m talking about a happy day

he taught me how to wash
fight and pray, fight and pray
and he rejoices every
everyday, everyday

he taught me how to wash
fight and pray, fight and pray
and he rejoices every, everyday
happy day!

Noël Noël

Noël Noël, chiara luce nel ciel:
Nella grotta divina è nato Gesù.
Noël Noël Noël Noël
Insieme adoriamo il bimbo Gesù.
Noël Noël, cantan gli angeli in ciel!
Sia pace in terra: è nato Gesù.
Noël Noël Noël Noël
Insieme adoriamo il bimbo Gesù.
Noël Noël: le campane nel ciel
suonano liete e festose: è nato Gesù.
Noël Noël Noël Noël
Insieme adoriamo il bimbo Gesù.

10. In notte placida

In notte placida, per muto sentier,
dai campi del ciel è discese l’Amor,
all’alme fedeli il Redentor !
Nell’aura è il palpito d’un grande mister:
del nuovo Israel è nato il Signor,
il fiore più bello dei nostri fior !

Cantate, o popoli, gloria all’Altissimo
l’animo aprite a speranza ed amor !

Se l’aura è gelida, se fosco è il ciel,
oh, vieni al mio cuore, vieni a posar,
ti vò col mio amore riscaldar.
Se il fieno è rigido, se il vento è crudel,
un cuore che t’ama voglio a Te dar,
un cuor che Te brama, Gesù cullar

11. God rest ye merry gentlemen

God rest ye merry gentlemen
Let nothing you dismay
Remember Christ our Savior
Was born on Christmas day

To save us all from Satan’s power
When we had gone astray
Oh tidings of comfort and joy
Comfort and joy
Oh tidings of comfort and joy

God rest ye merry gentlemen
Let nothing you dismay
Remember Christ our Savior
Was born on Christmas day

To save us all from Satan’s power
When we had gone astray
Oh tidings of comfort and joy
Oh tidings of comfort and joy

12. Last Christmas

Last Christmas
I gave you my heart
But the very next day you gave it away
This year
To save me from tears
I’ll give it to someone special

[CHORUS:]

Once bitten and twice shy
I keep my distance
But you still catch my eye
Tell me baby
Do you recognize me?
Well
It’s been a year
It doesn’t surprise me
I wrapped it up and sent it
With a note saying “I love you”
I meant it
Now I know what a fool I’ve been
But if you kissed me now
I know you’d fool me again

[CHORUS]

A crowded room
Friends with tired eyes
I’m hiding from you
And your soul of ice
My god I thought you were
Someone to rely on
Me?
I guess I was a shoulder to cry on

A face on a lover with a fire in his heart
A man under cover but you tore me apart
Now I’ve found a real love you’ll never fool me again

13. So this is Christmas

So this is Christmas. And what have you done

Another year over. And a new one just begun

And so this is Christmas. I hope you have fun

The near and the dear one.The old and the young

A very merry Christmas. And a happy New Year

Let’s hope it’s a good one. Without any fear

And so this is Christmas. For weak and for strong

For rich and the poor ones. The world is so wrong

And so happy Christmas. For black and for white

For yellow and red ones. Let’s stop all the fight

A very merry Christmas. And a happy New Year

Let’s hope it’s a good one. Without any fear

And so this is Christmas. And what have we done

Another year over. And a new one just begun

And so this is Christmas. I hope you have fun

The near and the dear one. The old and the young

A very merry Christmas. And a happy New Year

Let’s hope it’s a good one. Without any fear

War is over. If you want it

War is over. Now…

JINGLE BELL
CANZONE DI NATALE

Dashing through the snow

In a one-horse open sleigh

Through the fields we go

Laughing all the way

Bells on bob-tail ring

Making spirits bright

What fun it is to ride and sing

A sleighing song tonight

Jingle bells, jingle bells Jingle all the way,

Oh what fun it is to ride

In a one-horse open sleigh,

O Jingle bells, jingle bells Jingle all the way,

Oh what fun it is to ride

In a one-horse open sleigh.

A day or two ago

I thought I’d take a ride

And soon Miss Fanny Bright

Was seated by my side;

The horse was lean and lank

Misfortune seemed his lot,

We ran into a drifted bank

And there we got upsot.

19 novembre 2012

100 Best Rock and Roll Guitar Riffs

Filed under: Corso chitarra — giacomo.campanile @ 09:00

100 Famous Rock Guitar Riffs

Filed under: Corso chitarra — giacomo.campanile @ 08:58

18 novembre 2012

ATTIVITA’ ACCESSORIE DEL PERSONALE DOCENTE COSA I DOCENTI POSSONO RIFIUTARE DI FARE MANUALE PER L’USO

Filed under: DOCENTE — giacomo.campanile @ 15:32

Care colleghe e cari colleghi,
la mobilitazione delle scuole di fronte alle provocatorie proposte del governo sull’orario di lavoro dei docenti, agli inadempimenti
relativi al riconoscimento degli scatti di anzianità, al blocco dei contratti, agli aumenti dei carichi di lavoro
si sta concretizzando anche attraverso forme di rifiuto del lavoro aggiuntivo non previsto dal contratto collettivo
di lavoro.
Ricordiamo che questi suggerimenti valgono anche per tutti coloro che in ogni caso non intendono accollarsi
oneri e lavoro accessorio anche in periodi di relativa tranquillità sindacale. Si tratta infatti di prestazioni
NON DOVUTE.
Cosa si intende per lavoro aggiuntivo?
Tutte le prestazioni che non sono ricomprese negli artt.28 e 29 del vigente CCNL che riportiamo integralmente
ART. 28 – ATTIVITÀ DI INSEGNAMENTO
1. Le istituzioni scolastiche adottano ogni modalità organizzativa che sia espressione di autonomia progettuale e sia
coerente con gli obiettivi generali e specifici di ciascun tipo e indirizzo di studio, curando la promozione e il sostegno
dei processi innovativi e il miglioramento dell’offerta formativa.
2. Nel rispetto della libertà d’insegnamento, i competenti organi delle istituzioni scolastiche regolano lo svolgimento
delle attività didattiche nel modo più adeguato al tipo di studi e ai ritmi di apprendimento degli alunni. A tal fine
possono adottare le forme di flessibilità previste dal Regolamento sulla autonomia didattica ed organizzativa delle
istituzioni scolastiche di cui all’articolo 21 della legge n. 59 del 15 marzo 1997 – e, in particolare, dell’articolo 4
dello stesso Regolamento-, tenendo conto della disciplina contrattuale.
3. Gli obblighi di lavoro del personale docente sono correlati e funzionali alle esigenze come indicato al comma 2.
4. Gli obblighi di lavoro del personale docente sono articolati in attività di insegnamento ed in attività funzionali alla
prestazione di insegnamento.
Prima dell’inizio delle lezioni, il dirigente scolastico predispone, sulla base delle eventuali proposte degli organi
collegiali, il piano annuale delle attività e i conseguenti impegni del personale docente, che sono conferiti in forma
scritta e che possono prevedere attività aggiuntive. Il piano, comprensivo degli impegni di lavoro, è deliberato dal
collegio dei docenti nel quadro della programmazione dell’azione didattico-educativa e con la stessa procedura è
modificato, nel corso dell’anno scolastico, per far fronte a nuove esigenze. Di tale piano è data informazione alle
OO.SS. di cui all’art. 7-
5. Nell’ambito del calendario scolastico delle lezioni definito a livello regionale, l’attività di insegnamento si svolge
in 25 ore settimanali nella scuola dell’infanzia, in 22 ore settimanali nella scuola elementare e in 18 ore settimanali
nelle scuole e istituti d’istruzione secondaria ed artistica, distribuite in non meno di cinque giornate settimanali.
Alle 22 ore settimanali di insegnamento stabilite per gli insegnanti elementari, vanno aggiunte 2 ore da dedicare,
anche in modo flessibile e su base plurisettimanale, alla programmazione didattica da attuarsi in incontri collegiali
dei docenti interessati, in tempi non coincidenti con l’orario delle lezioni. Nell’ambito delle 22 ore d’insegnamento,
la quota oraria eventualmente eccedente l’attività frontale e di assistenza alla mensa è destinata, previa programmazione,
ad attività di arricchimento dell’offerta formativa e di recupero individualizzato o per gruppi ristretti di
alunni con ritardo nei processi di apprendimento, anche con riferimento ad alunni stranieri, in particolare prove2
Gilda degli insegnanti della provincia di Venezia
nienti da Paesi extracomunitari. Nel caso in cui il collegio dei docenti non abbia effettuato tale programmazione o
non abbia impegnato totalmente la quota oraria eccedente l’attività frontale e di assistenza alla mensa, tali ore saranno
destinate per supplenze in sostituzione di docenti assenti fino ad un massimo di cinque giorni nell’ambito
del plesso di servizio.
6. Negli istituti e scuole di istruzione secondaria, ivi compresi i licei artistici e gli istituti d’arte, i docenti, il cui orario
di cattedra sia inferiore alle 18 ore settimanali, sono tenuti al completamento dell’orario di insegnamento da realizzarsi
mediante la copertura di ore di insegnamento disponibili in classi collaterali non utilizzate per la costituzione
di cattedre orario, in interventi didattici ed educativi integrativi, con particolare riguardo, per la scuola dell’obbligo,
alle finalità indicate al comma 2, nonché mediante l’utilizzazione in eventuali supplenze e, in mancanza, rimanendo
a disposizione anche per attività parascolastiche ed interscolastiche.
7. Al di fuori dei casi previsti dal comma successivo, qualunque riduzione della durata dell’unità oraria di lezione ne
comporta il recupero nell’ambito delle attività didattiche programmate dall’istituzione scolastica. La relativa delibera
è assunta dal collegio dei docenti.
8. Per quanto attiene la riduzione dell’ora di lezione per cause di forza maggiore determinate da motivi estranei alla
didattica, la materia resta regolata dalle circolari ministeriali n. 243 del 22.9.1979 e n.192 del 3.7.1980 nonché dalle
ulteriori circolari in materia che le hanno confermate. La relativa delibera è assunta dal consiglio di circolo o
d’istituto.
9. L’orario di insegnamento, anche con riferimento al completamento dell’orario d’obbligo, può essere articolato, sulla
base della pianificazione annuale delle attività e nelle forme previste dai vigenti ordinamenti, in maniera flessibile
e su base plurisettimanale, in misura, di norma, non eccedente le quattro ore.
10. Per il personale insegnante che opera per la vigilanza e l’assistenza degli alunni durante il servizio di mensa o durante
il periodo della ricreazione il tempo impiegato nelle predette attività rientra a tutti gli effetti nell’orario di attività
didattica.
ART. 29 – ATTIVITÀ FUNZIONALI ALL’INSEGNAMENTO
1. L’attività funzionale all’insegnamento è costituita da ogni impegno inerente alla funzione docente previsto dai diversi
ordinamenti scolastici. Essa comprende tutte le attività, anche a carattere collegiale, di programmazione,
progettazione, ricerca, valutazione, documentazione, aggiornamento e formazione, compresa la preparazione dei
lavori degli organi collegiali, la partecipazione alle riunioni e l’attuazione delle delibere adottate dai predetti organi.
2. Tra gli adempimenti individuali dovuti rientrano le attività relative:
a) alla preparazione delle lezioni e delle esercitazioni;
b) alla correzione degli elaborati;
c) ai rapporti individuali con le famiglie.
3. Le attività di carattere collegiale riguardanti tutti i docenti sono costituite da:
a) partecipazione alle riunioni del Collegio dei docenti, ivi compresa l’attività di programmazione e verifica
di inizio e fine anno e l’informazione alle famiglie sui risultati degli scrutini trimestrali, quadrimestrali e
finali e sull’andamento delle attività educative nelle scuole materne e nelle istituzioni educative, fino a 40
ore annue;
b) la partecipazione alle attività collegiali dei consigli di classe, di interclasse, di intersezione. Gli obblighi
relativi a queste attività sono programmati secondo criteri stabiliti dal collegio dei docenti; nella predetta
programmazione occorrerà tener conto degli oneri di servizio degli insegnanti con un numero di classi
superiore a sei in modo da prevedere un impegno fino a 40 ore annue;
c) Lo svolgimento degli scrutini e degli esami, compresa la compilazione degli atti relativi alla valutazione.
4. Per assicurare un rapporto efficace con le famiglie e gli studenti, in relazione alle diverse modalità organizzative
del servizio, il consiglio d’istituto sulla base delle proposte del collegio dei docenti definisce le modalità
e i criteri per lo svolgimento dei rapporti con le famiglie e gli studenti, assicurando la concreta accessibilità
al servizio, pur compatibilmente con le esigenze di funzionamento dell’istituto e prevedendo idonei
strumenti di comunicazione tra istituto e famiglie.
5. Per assicurare l’accoglienza e la vigilanza degli alunni, gli insegnanti sono tenuti a trovarsi in classe 5 minuti
prima dell’inizio delle lezioni e ad assistere all’uscita degli alunni medesimi.
3
Gilda degli insegnanti della provincia di Venezia
Cosa significa?
Significa che tutte le attività che non sono menzionate nel CCNL sono considerate attività accessorie e
quindi NON DOVUTE
Facciamo degli esempi
 COORDINATORE DI CLASSE
 COORDINATORE DI DIPARTIMENTO
 COORDINATORE PER MATERIA
 ACCOMPAGNATORE VIAGGI DI ISTRUZIONE/STAGE/SCAMBI
 RESPONSABILE DI PROGETTO
 PARTECIPANTE A COMMISSIONI
 FUNZIONE STRUMENTALE
 RESPONSABILE DI LABORATORIO
 COLLABORATORE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO
 RESPONSABILE DI SEDE O PLESSO
 …………………………………………….
Tutte queste attività SONO ACCESSORIE E NON OBBLIGATORIE. Sono pagate dal FIS con contrattazione
delle RSU. Spesso sono pagate pochissimo in relazione al lavoro erogato in termini non solo
di quantità ma di qualità.
Qualcuno continua a ripetere che senza queste attività la scuola non funziona colpevolizzando i colleghi
che si dichiarano non disponibili… MA NON POSSIAMO SEMPRE TIRARE AVANTI LA BARACCA
CON IL VOLONTARIATO O CON RICONOSCIMENTI ECONOMICI IRRISORI
E’ sicuramente vero che senza molte funzioni accessorie la scuola rischia di funzionare male. Ma è anche
vero che il MIUR e i dirigenti devono prendere atto che queste funzioni devono essere adeguatamente
riconosciute. Troppo spesso negli ultimi anni si è dato per scontato che tali attività fossero atto volontario
dovuto dai doventi per il “bene della scuola” e per il “bene degli allievi”. Molto ha giocato la perversa competizione
tra istituzioni scolastiche per accaparrarsi la cosiddetta “utenza” laddove si sono promesse e offerte
ai “clienti” attività, progetti, viaggi e quant’altro. I docenti si sono fatti carico, con un pagamento troppo
spesso irrisorio o addirittura simbolico, di far funzionare una serie di attività che non rientravano nelle loro
mansioni. Sarebbe bene dire basta al volontariato. Sarebbe bene CONTRATTUALIZZARE A LIVELLO
NAZIONALE UNA SERIE DI FUNZIONI attribuendo a ciascuna chiaramente oneri e retribuzione in
modo uniforme e con regole univoche e uguali in tutte le scuole.
Se esistono in tutte le scuole i coordinatori di classe, i collaboratori del dirigente scolastico, gli accompagnatori
dei viaggi di istruzione, ecc. significa che bisogna applicare un semplice principio costituzionale:
a parità di lavoro e di funzione deve essere riconosciuta analoga retribuzione. Purtroppo nella contrattazione
RSU nelle singole scuole si verificano ampie disparità di trattamento per la stessa funzione tra
scuola e scuola. Come accade che alcuni dirigenti approfittino di queste figure non riconosciute per delegare
propri compiti e per scaricare su altri responsabilità che spettano sempre alla dirigenza.
Facciamo degli esempi:
COORDINATORE DI CLASSE
In linea teorica dovrebbe essere espressione del consiglio di classe con funzioni di rappresentanza del consiglio
di classe (componente docenti) nei confronti delle famiglie e degli studenti, ma negli ultimi anni è di4
Gilda degli insegnanti della provincia di Venezia
ventata una figura di nomina dirigenziale. TUTTI I CONSIGLI DI CLASSE DOVREBBERO ESSERE
PRESIEDUTI DAL DIRIGENTE SCOLASTICO e poiché i dirigenti non ce la fanno a presiederli o non
vogliono o possono hanno inventato (si tratta di pura invenzione giuridica) la figura del “loro” coordinatore
di classe in quanto rappresentante del dirigente in sede di consiglio di classe attribuendogli competenze che
esulano dalla funzione docente (controllo degli assenze, relazionare sull’andamento della classe, essere garante
della tenuta del registro di classe, ecc. ecc.) e che sono di competenza del dirigente scolastico o
dell’amministrazione della scuola. In questo caso SI PUO’ TRANQUILLAMENTE RIFIUTARE DI ACCETTARE
L’INCARICO. Nemmeno un ordine di servizio può obbligarci a fare cose che per contratto
NON SIAMO TENUTI A FARE. Per esperienza il coordinatore viene pagato in un anno meno di una colf
(si va dai 100€ ai 200€ ANNUI). Una vera vergogna!
Stesso discorso vale per figure analoghe (coordinatori di dipartimento, per materia e altre amenità).
VERBALIZZATORE DEL CONSIGLIO DI CLASSE O DI ALTRI ORGANI COLLEGIALI: qui il discorso
è più complesso. La figura di verbalizzatore è prevista dalla legge in ogni organo collegiale ed è
quindi obbligatoria. Di norma nulla è dovuto in termini monetari all’espletamento di questa funzione. La
legge stabilisce che il presidente dell’organo collegiale (dirigente scolastico per il consiglio di classe, genitore
presidente in caso di consiglio di istituto, ecc.) scelga volta per volta il componente verbalizzatore. Se la
funzione viene attribuita in maniera continuativa per tutto l’anno scolastico con unico atto di conferimento,
cosa che accade frequentemente, si tratta di una forzatura che identifica in un solo componente la funzione.
In questo caso di norma c’è un riconoscimento dell’attività in sede di FIS. In ogni caso non è possibile rifiutare
l’incarico.
COLLABORATORE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO
Un tempo era espressione del Collegio dei Docenti e da esso votato. Ora è diventato organo strumentale del
dirigente e nominato dallo stesso dirigente con compiti di natura dirigenziale o amministrativa senza avere
alcun riconoscimento in termini contrattuali. Da quest’anno è scomparsa la figura del cosiddetto “vicario”
che poteva sostituire il dirigente in caso di assenza o ferie. Al vicario era attribuito un riconoscimento per
funzioni superiori che ora è negato dal MEF. Anche in questo caso la funzione è accessoria e NON DOVUTA.
Ci si può dimettere con semplice comunicazione scritta in ogni momento. L’attività è purtroppo pagata
dal FIS, cioè dal fondo contrattuale del personale della scuola, e non dal dirigente o da fondi a lui dedicati.
Per questo, in mancanza di una chiara normativa nazionale contrattuale che riconosca ai collaboratori
emolumenti adeguati alla complessità della funzione e pagati con risorse diverse dal FIS, invitiamo le RSU a
stabilire ad inizio della contrattazione i tetti di retribuzione accessoria per queste funzioni evitando che esse
siano cumulabili con altre attività accessorie. Vi sono infatti casi di collaboratori che portano a casa ogni anno
scolastico oltre 4-5 mila euro…sempre pagati dal FIS.
Stesso ragionamento si deve fare con figure come i responsabili di plesso o sede, Anche in questi casi si
tratta di mansioni delegate dal dirigente di natura amministrativa che nulla hanno a che fare con la funzione
docente.
RESPONSABILI DI PROGETTO, COMPONENTI COMMISSIONI, COORDINATORI DI DIPARTIMENTO,
ECC.
I progetti che entrano a far parte del POF dovrebbero avere sempre copertura certa nel FIS e devono essere
approvati dal collegio dei docenti che dovrebbe in ogni caso determinare ordini di priorità sui progetti nella
misura in cui le risorse del fondo non siano sufficienti. Stesso discorso sulle commissioni che dovrebbero
sempre essere considerate espressione del collegio dei docenti. Ricordiamo che per i progetti finanziati con
fondi specifici esterni (MIUR, Enti Locali, ecc,) bisogna capire quanto e cosa ci guadagna il dirigente..
Accade talvolta che il dirigente, senza fare praticamente nulla, prenda tanto quanto è riconosciuto a tutti i
componenti responsabili del progetto messi insieme. In tutti i casi NULLA E’ DOVUTO e si pososono rifiutare
incarichi e provvedere in ogni momento a dimissioni (sempre per iscritto).
5
Gilda degli insegnanti della provincia di Venezia
VIAGGI DI ISTRUZIONE, STAGE, SCAMBI, USCITE. ECC.
Gli oneri e il carico supplementare di lavoro connessi ai viaggi di istruzione (stage, scambi) fino a pochi anni
fa erano in qualche modo riconosciuti (spesso poco e male) con le indennità di missione finanziate con
fondi del ministero. In seguito è stato deciso in nome dei tagli sulla spesa corrente di eliminare le indennità
di missione scaricando di fatto sul FIS il riconoscimento del lavoro accessorio.
Facciamo chiarezza: un viaggio di istruzione che dura più giorni comporta che il docente accompagnatore
sia sempre responsabile penalmente e civilmente di tutto ciò che accade agli allievi per tutte le 24 ore. Ciò
significa che un docente che dovrebbe essere pagato per 18 ore o 24 ore settimanali svolge un lavoro straordinario
che non viene riconosciuto dall’amministrazione. Puro volontariato. Il FIS può riconoscere solo
in piccola parte il carico di lavoro accessorio sempre giustificando i miseri emolumenti agli accompagnatori
come “attività di preparazione e organizzazione del viaggio di istruzione” poiché è vietato usare il FIS
per pagare attività di lavoro diretto straordinario. Si può anche per questi motivi in tutta tranquillità rifiutare
gli incarichi di accompagnatore o di responsabile di viaggi di istruzione, stage, scambi.
Per le uscite giornaliere vale lo stesso discorso. Anche in questo caso le ore di straordinario rispetto
all’orario giornaliero non sono retribuite e di prassi si usa il FIS per riconoscere l’attività di preparazione organizzazione
dell’uscita.
RICEVIMENTO GENITORI
Molti colleghi chiedono se si possono rifiutare di effettuare le ore di ricevimento dei genitori. La questione è
molto complessa. Per l’art. 29 del CCNL fa parte delle attività funzionali OBBLIGATORIE inerenti la funzione
docente al punto c) rapporti INDIVIDUALI con le famiglie. Il CCNL non prevede che vi sa un’ora
settimanale che il docente dovrebbe dedicare ai rapporti con le famiglie. C’è solo un obbligo generico di essere
disponibili a garantire corretti rapporti di informazione con le famiglie senza alcuna quantificazione
temporale. Sarebbe del resto difficile stabilire in termini di tempo la quantità di minuti o ore da dedicare a
questa attività funzionale (si pensi la differenza di numero di classi o allievi che contraddistingue i singoli
docenti).. Che si scelga di attivare la tradizionale ora di ricevimento o altri spazi che garantiscano i rapporti
con le famiglie (ad es. colloqui su appuntamento anche in giorni diversi…) l’obbligo di garantire i rapporti
individuali con le famiglie è un fatto certo e dovuto.
I problemi nascono nel caso dei famosi ricevimenti pomeridiani collettivi. Il CCNL su questo non è chiaro.
Pare però evidente che in caso di quantificazione oraria definita e di ricevimenti collegiali pomeridiani
siamo di fronte ad una fattispecie diversa dall’obbligo del rapporto individuale che il docente ha con le famiglie.
Nell’art. 29 del CCNL al punto 4 si prevede che sia il Consiglio di Istituto sulla base delle proposte
fatte dal collegio dei docenti a definire le modalità e i criteri per lo svolgimento dei rapporti con le famiglie e
gli studenti. In concreto il Collegio dei Docenti deve deliberare che i ricevimenti collettivi pomeridiani siano
riconducili nelle attività di cui all’art. 29 punto a e siano pertanto computabili nelle 40 ore stabilite contrattualmente.
In caso contrario si rischia di dare al dirigente e al consiglio di istituto spazi di interpretazione del
contratto del tutto discrezionali. Se il dirigente spinge per ricevimenti coattivi è il collegio che deve votare
contro la proposta. Il Collegio è sovrano almeno per questo ambiti.
ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO
Alcuni colleghi propongono come forma di protesta e mobilitazione il rifiuto di adottare libri di testo. Ricordiamo
che purtroppo la legge stabilisce l’obbligo di adozione e il mantenimento delle adozioni per cinque
anni nella scuola primaria e per sei anni nella secondaria. Con l’ultima spendig review c’è addirittura
l’obbligo di adozione di testi digitalizzati. Come abbiamo sempre detto si tratta di una diretta lesione della
libertà di insegnamento. In ogni caso non è possibile adottare questa forma di protesta.

14 novembre 2012

VENDO A 80 EURO La mia Fuji S4200 COME NUOVA

Filed under: VARIE,VENDO — giacomo.campanile @ 14:14

VENDO A 80 EURO La mia Fuji S4200 COME NUOVA

La serie di fotocamere S di Fuji comprende alcune fra le più economiche bridge del mercato. Recentemente è stata rinnovata con le S4200 e S4500, che differiscono poco dai modelli precedenti. La S4200 ha un sensore CCD da 14 Mpx, uno zoom 24x di focale equivalente ad u 24-576 mm. E’ dotata di un mirino elettronico a differenza di altri modelli della stessa fascia di prezzo che non lo hanno, e di uno schermo da 3″ fisso. Può riprendere video Solo HD. Ha il grande pregio di usare ancora per l’alimentazione batterie a stilo AA.

La Fuji S4200 è uno degli ultimi modelli di una lunga serie di fotocamere bridge economiche prodotte da tempo da Fuji. Queste macchine si distinguono dalle compatte di pari prezzo per avere una forma simile alle reflex, anche se con proporzioni più piccole, essere dotate di un mirino elettronico ed avere degli zoom con ampia escursione focale.

La S4200 è dotata di un sensore CCD da 1/2,3″ con 14 Mpx, come il modello superiore S4500 e come le precedenti S3200 e S4000. La caratteristica di maggior spicco è l’obiettivo, uno zoom 24x di focale 4,3-103,2 mm, equivalente ad un 24-576 mm, f/3,1-5,9. La stabilizzazione è però sul sensore. L’obiettivo poi non èdotato di messa a fuoco manuale, che è quindi solo automatica con un autofocus a rilevamento di contrasto, come tutte le compatte, bridge e mirrorless. Il mirino è elettronico, di piccole dimensioni, con 200.000 pixel e copertura del 97 %. Lo schermo, fisso, è da 3″ con 230.000 pixel. Ci sono tutte le possibilità di regolazione, automatiche e manuali, ma la messa a fuoco, come detto è solo automatica. Sono disponibili poi numerose modalità scene, con la possibilità di scelta automatica, e alcune funzioni speciali come quella panorama. La sensibilità Iso varia da 64 a 1600 Iso e può arrivare a 6400 a risoluzione ridotta. La velocità di raffica, si fa per dire, arriva a 1,2 fg7s. La ripresa video è solo HD a 1280×720 pixel e 30 fg/s con audio mono. L’alimentazione è con quattro batterie ricaricabili di tipo AA. Questo è un vantaggio perchè queste batterie sono poco costose e reperibili ovunque, ed in caso di emergenza possono essere sostituite da pile a stilo usa e getta.

La S4200 costa sui 170 €.

La S4200 è abbastanza piccola e compatta. Il corpo, ben costruito considerando il prezzo, presenta un numero ridotto di comandi.

Sulla calotta superiore troviamo sull’impugnatura il pulsante di scatto coassiale alla leva di comando dello zoom. Dietro un pulsante per il riconoscimento dei volti, quello per impostare le modalità di scatto (singolo, continuo) e l’interruttore di accensione. Più verso il centro la manopola per impostare le modalità di funzionamento con le impostazioni classiche: Auto, Program, S (priorità tempi), A (priorità diaframmi), Manuale, poi una modalità utente, Panorama, video, scene e scelta automatica scene.

Posteriormente ci sono accanto al mirino il pulsante per la commutazione fra questo e lo schermo. Poi a destra dello schermo il pulsante per la compensazione dell’esposizione, il pad a quattro vie per flas, autoscatto e ripresa macro, con al centro il pulsante per i menu e la conferma. Sotto il pulsante per la scelta delle informazioni da visualizzare sullo schermo e quello per la revisione delle foto. Come si vede i comandi sono pochi e molte scelte devono essere fatte da menu.

Inquadrando con la S4200 ci si accorge che il mirino è abbastanza piccolo ed a bassa risoluzione, comunque è molto meglio averlo che non per la possibilità di vedere meglio ciò che si inquadra in esterni di giorno e perchè consente di impugrare la macchina con due mani in modo più stabile. L’autofocus è nella media, non particolarmente veloce, ma nemmeno intollerabilemente lento.

Ho scattato varie foto a tutte le sensibilità possibili consentite dalla luce disponibile, partendo da 400 Iso per arrivare a 1.600 Iso. Le altre impostazioni erano Program e bilanciamento del bianco automatico. Le foto sono state salvate in jpeg, l’unica opzione con la S4200.

Le foto a 400 Iso sono abbastanza pulite, ma già denotano un intervento della riduzione di rumore che fa perdere un po’ di dettaglio. A800 Iso compare il rumore, sotto forma di punti neri, nonostante la riduzione e si ha un’ulteriore perdita di dettaglio. I contorni incominciano ad essere troppo netti ed esaltati per l’aumento esagerato dello sharpening che la macchina imposta per cercare di recuperare un po’ di nitidezza. A 1600 Iso le foto sono completamente invase dal rumore e i dettagli non esistono più. Peccato purtroppo non avere potuto scattare a 100 e 200 Iso, sensibilità alle quali la S4200 avrebbe dato risultati migliori. In pratica questa fotocamera si può usare con buoni risultati al massimo fino a 200 Iso, con i 400 di riserva se proprio non se ne può fare a meno. E’ quindi una macchina adatta essenzialmente per foto in esterni con buona luce.

In conclusione la Fuji S4200 è una discreta macchina, abbastanza completa come funzioni ed adatta a chi vuole qualcosa di più di una classica compatta per lo zoom molto esteso e per le possibilità di regolazione, anche manuali, per imparare. Si deve però essere consapevoli dei suoi limiti di qualità d’immagine ed usarla solo quando c’è buona luce e non certamente per foto di soggetti in movimento o sportive. Si deve però considerare anche che a questo prezzo non c’è nulla di meglio.

10 novembre 2012

La terra vista dal cielo

Filed under: DOCUMENTARI — giacomo.campanile @ 15:44

http://www.youtube.com/user/ceranagiovanni

5 novembre 2012

Classical guitar making. My 24th guitar build

Filed under: FARE UNA CHITARRA — giacomo.campanile @ 09:12

4 novembre 2012

MASSIME NOVEMBRE 2012

Filed under: MASSIME — giacomo.campanile @ 08:52

le sfide sono “opportunità” e non “problemi”

Mc 12,28-34
Amerai il Signore tuo Dio. Amerai il prossimo tuo.

quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato Lc 14,12-14

Fratelli, voi siete edificio di Dio.

Pessimista. Dice” “Non c’è nulla da fare”.

Ottimista – Dice: “Consideriamo le alternative”

Pessimista. Si focalizza sui problemi. Ottimista- Si focalizza sulle possibilità

Pessimista Vive nel passato. Ottimista- Vive per il futuro

Pessimista. Aspetta che gli altri si muovono. Ottimista- Prende l’iniziativa

Chi cercherà di salvare la propria vita, la perderà; ma chi la perderà, la manterrà viva. Lc 17,26-37

“L’amore non è un comando, è un dono”

Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo».Lc 14,25-33

Un Paese che distrugge la sua scuola non lo fa mai solo per soldi, perchè le risorse mancano, o i costi sono eccessivi. Un Paese che demolisce l’istruzione è già governato da quelli che dalla diffusione del sapere hanno solo da perdere Italo Calvino

Lc 15,1-10 “Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta”. Io vi dico: così vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte, più che per novantanove giusti i quali non hanno bisogno di conversione.
Fil 2,1-4. Ciascuno non cerchi l’interesse proprio, ma anche quello degli altri.

Powered by WordPress. Theme by H P Nadig