24 aprile 2018

Genocidio armeno

Filed under: LEZIONI DI RELIGIONE — giacomo.campanile @ 07:37

Con il termine genocidio armeno, talvolta olocausto degli armeni o massacro degli armeni, si indicano le deportazioni ed eliminazioni di armeni perpetrate dall’Impero ottomano tra il 1915 e il 1916, che causarono circa 1,5 milioni di morti.

23 aprile 2018

San Giorgio e il drago. Lezione aprile 2018

Filed under: LEZIONI DI RELIGIONE — giacomo.campanile @ 07:40

Giorgio, il cui sepolcro è a Lidda (Lod) presso Tel Aviv in Israele, venne onorato, almeno dal IV secolo, come martire di Cristo in ogni parte della Chiesa. La tradizione popolare lo raffigura come il cavaliere che affronta il drago, simbolo della fede intrepida che trionfa sulla forza del maligno. La sua memoria è celebrata in questo giorno anche nei riti siro e bizantino. (Mess. Rom.)

Patronato: Arcieri, Cavalieri, Soldati, Scout, Esploratori/Guide AGESCI

Etimologia: Giorgio = che lavora la terra, dal greco

Emblema: Drago, Palma, Stendardo
Martirologio Romano: San Giorgio, martire, la cui gloriosa lotta a Diospoli o Lidda in Palestina è celebrata da tutte le Chiese da Oriente a Occidente fin dall’antichità.

Risultato immagine per SAN GIOIGIO PARIS

11 aprile 2018

Religione Ortodossa e popoli slavi. Lezione aprile 2018

Filed under: LEZIONI DI RELIGIONE — giacomo.campanile @ 07:24

8–4-18. Sofia. Bulgaria. LODE

Religione Ortodossa e popoli slavi.

La chiesa orientale e la chiesa occidentale sono come due polmoni con cui respira la cristianità. Papa Giovanni Paolo 2.

1054 scisma oriente

1 Lingua, non si capivano tra le chiese si parlava greco in oriente e latino occidente

2 Sono Romani perché Costantinopoli è la seconda Roma e poi Mosca è la terza Roma

3 Ortodossi non riconoscono il Papa nella sua giurisdizione.

4 Dottrina identica.

5 Gli sposati possono diventare preti. I vescovi sono celibi

6 L’eucaristia non è di pane azzimo (ostia) ma di pane lievitato. La comunione si fa anche con il vino.

7 I sacerdoti hanno la barba.

8 Il segno della croce è al contrario.

9 Nelle chiese non ci sono sedie

10 Iconostasi. Il celebrante è nascosto da un muro di icone.

11 Devozione alle icone. Immagini sacre bidimensionali

12 Con il battesimo in oriente si da anche l’eucaristia e la cresima.

13 La Pasqua bizantina una settimana dopo quella cattolica e anche il natale in Russia si festeggia 7 gennaio.

14 SI accetta il secondo matrimonio in chiesa

 

4 aprile 2018

Discepoli di Emmaus. Luca 24,13 – 35. Aprile 2018

Filed under: 2017-18 LEZIONI,LEZIONI DI RELIGIONE — giacomo.campanile @ 08:13

Discepoli di Emmaus. Luca 24,13 – 35

21 marzo 2018

LA RELIGIONE DEGLI ETRUSCHI. Lezione aprile 2018

Filed under: LEZIONI DI RELIGIONE — giacomo.campanile @ 09:48

La religione degli etruschi.     etruschilode

Gli Etruschi erano politeisti. Alle divinità dedicarono numerosi templi, costruiti non solo nelle città, ma anche nei luoghi di passaggio, come porti e valichi. Nel tempio si recavano per pregare, offrire sacrifici alle divinità, conoscere il volere degli dèi.

La religione svolgeva un ruolo centrale nella vita di questo popolo. Secondo gli Etruschi, infatti, gli dèi rivelavano agli uomini la propria volontà attraverso particolari segni.

I sacerdoti erano specializzati nell’interpretazione di tali segni: gli àuguri erano i sacerdoti che conoscevano il significato del volo degli uccelli.

Gli aruspici, invece, sapevano leggere le viscere degli animali sacrificati; inoltre i sacerdoti etruschi erano abilissimi (e per questo rinomati) nell’interpretazione dei fulmini.

LE DIVINITA’

 

Gli dèi etruschi alle origini della civiltà erano semplici entità, spiriti privi di forma che si manifestavano occasionalmente. È solo con la fase orientalizzante che, sotto l’influsso culturale dei greci, le divinità etrusche assumono l’aspetto antropomorfo. I tre dèi più importanti sono: Tinia (che corrisponde a Zeus), la sua sposa Uni (Era) e loro figlia Menrva (Atena). Altri dèi importanti sono: Turms(Ermes), Fufluns (Dioniso) e Voltumna. Oltre agli dèi esistevano anche i demoni, che secondo la credenza etrusca si incontravano dopo la morte.  Una dea amichevole è invece Vanth.

LA DIVINAZIONE

Nella cultura etrusca la divinazione occupava un ruolo fondamentale. Essa si basava sul concetto di predestinazione, secondo il quale la vita di ogni essere vivente sarebbe già stata scritta dagli dèi fin dalla nascita. L’arte divinatoriapermetteva all’uomo etrusco di prevedere, attraverso lo studio di segni specifici, la volontà divina e quindi il proprio destino.

La divinazione etrusca si divide in due branche principali: l’aruspicina, ovverosia l’interpretazione della volontà divina attraverso lo studio delle viscere animali – e, più precisamente, fegato (epatoscopia) ed intestino (estispicio) – e la dottrina dei fulmini, ovvero l’interpretazione dei fulmini.

14 marzo 2018

LA PASSIONE DI CRISTO. MEL GIBSON. LEZIONE MARZO 2018

Filed under: 2017-18 LEZIONI,LEZIONI DI RELIGIONE — giacomo.campanile @ 13:14

LA PASSIONE DI CRISTO. MEL GIBSON. passionelode
La passione di Cristo (The Passion of the Christ) è un film del 2004 scritto e diretto da Mel Gibson. Il film è stato interamente girato in Italia, tra Matera e Cinecittà ed è uscito nelle sale cinematografiche degli USA il 25 febbraio 2004 (Mercoledì delle Ceneri)

La vicenda si concentra sulle ultime ore di vita di Gesù Cristo, dall’arresto nell’Orto degli Ulivi, al processo sommario presso il Sinedrio e Ponzio Pilato, alla sua atroce flagellazione, fino alla morte in croce e alla risurrezione.

J.S. BACH, PASSIONE SECONDO GIOVANNI. ROMA 13 APRILE 2017

 

 

QUIZ SULLA PASQUA. 2018

Filed under: LEZIONI DI RELIGIONE,LEZIONI DI RELIGIONE 2015-16 — giacomo.campanile @ 12:34

QUIZ SULLA PASQUA. 

21 febbraio 2018

LEZIONI 2018

Filed under: 2017-18 LEZIONI — giacomo.campanile @ 08:59

LA TRASFIGURAZIONE DI Gesù.

SIGNIFICATO DELLA QUARESIMA. LEZIONE MARZO 2018

Come Trovare un Fidanzato. Lezione febbraio 2018

MILANO- PAVIA E LA RELIGIONE. LEZIONE FEBBRAIO 2018

Come Lodare Dio (Cristianesimo). Lezione febbraio 2018

Amore, fidanzamento e matrimonio. Lezione febbraio 2018

QUIZ SULLA DROGA. LEZIONE FEBBRAIO 2018

All’interno del matrimonio “fare l’amore” è come pregare? LEZIONE GENNAIO 2018

Sant’ Antonio Abate 17 gennaio. Lezione

Battesimo di Gesù. Lezione gennaio 2018

SIGNIFICATO DELLA QUARESIMA. LEZIONE MARZO 2018

Filed under: LEZIONI DI RELIGIONE,Senza Categoria — giacomo.campanile @ 08:42

QUARESIMALODE

Risultati immagini per quaresima

SIGNIFICATO DELLA QUARESIMA. LEZIONE MARZO 2018

Quaresima della gioia. 

QUARESIMA di PAPA FRANCESCO. 

20 febbraio 2018

Come Trovare un Fidanzato. Lezione febbraio 2018

Filed under: LEZIONI DI RELIGIONE — giacomo.campanile @ 08:59

Vuoi trovare a breve un fidanzato? Prega Sant’Antonio. Pare funzioni. Parola di Papa Bergoglio. Scherzi a parte pare sia un metodo valido ed efficace, almeno in Argentina, dove le ragazze in età da marito spesso si rivolgono a questo santo. Lo assicura il Papa.

Stare da soli non è mai bello. Non vorresti avere qualcuno che ti tenga per mano?  Se sei in cerca della tua anima gemella, ma non riesci a trovare la tua dolce metà, leggi quest’articolo per alcuni suggerimenti utili che ti aiuteranno a trovare il vero amore

Fai dei nuovi incontri. Prima di trovare un fidanzato, dovrai incontrare dei ragazzi. Puoi cercare di instaurare un rapporto sentimentale con un ragazzo che già conosci, oppure puoi provare a incontrare delle nuove persone.

  • Iscriviti a un club, un’associazione o fai delle attività di gruppo. Potresti praticare uno sport che ti piace, prendere delle lezioni di disegno o unirti a un gruppo di lettura della Bibbia, frequenta un coro o un incontro di preghiera. Così ti verrà facile fare conoscenza con dei ragazzi con i quali hai interessi in comune.
  • Frequenta delle discoteche (di sera o di pomeriggio, come preferisci) e cerca di fare amicizia con persone interessanti. Basta che stai attenta e usi un po’ di buon senso.
  • Trova un gruppo che ti piace su internet. Potrebbe trattarsi di un forum per fan di un telefilm o di un’attività che ti va a genio, o forse un videogioco per giocatori multipli che trovi divertente.
  • 1. Cerca di conoscerli meglio. Quando incontri qualcuno per la prima volta, cerca di approfondire un po’ la conoscenza con questa persona, prima di decidere se volerlo o meno come tuo prossimo ragazzo. Non devi giudicare gli altri dalle apparenze. Cerca di capire se il ragazzo soddisfi i requisiti minimi che ti aspetti da un possibile compagno.
    • È un tipo divertente? Intelligente? Gentile? Decidi che cosa è importante per te, e valuta i suoi pregi e i suoi difetti quando ci parli per la prima volta.
    • 3. Assicurati che non sia già impegnato. Se ha già una fidanzata, è meglio lasciar stare perché andando oltre, faresti soffrire un’altra persona. Non faresti un favore a lui né alla sua ragazza… e nemmeno a te stessa. Se fosse il tuo ragazzo, non vorresti che qualcun’altra cercasse di portartelo via, comportati quindi di conseguenza.
    • 4. Scopri quello che gli altri pensano di lui. Chiedi in giro per saperne di più sul tuo candidato. Se i suoi amici – e soprattutto le amiche – sembrano approvare l’idea che lui possa intraprendere una relazione, ciò sarebbe senz’altro un buon segno. Chiedi agli amici che avete in comune quello che pensano di lui e cerca di conoscere meglio i suoi amici e i suoi colleghi.
      Prendila con calma. Evita di far fretta al tuo nuovo amico, ma ricorda che se non gli piaci per come sei fatta, non vale la pena perdere del tempo cercando di piacergli. Cerca di trovare qualcun altro con cui fidanzarti. Non sperare che lui diventi il tuo ragazzo da un giorno all’altro – dagli del tempo perché impari a conoscerti. Uscite insieme e parlate, tanto per cominciare, e cerca di farlo più frequentemente con il passare del tempo. Rispetta il suo spazio. Di solito, se ci si trova bene insieme e ci si diverte, l’amicizia andrà a solidificarsi automaticamente e viene spontaneo voler trascorrere sempre più tempo insieme. Cerca di non sembrare una ragazza troppo disperata: non metterti a pensare al matrimonio una settimana dopo averlo conosciuto.

      Dimostragli che sei diversa. Basta che ti ricordi di essere te stessa quando parli con lui. Ciò è particolarmente importante se lui è il tipo di ragazzo che è abituato a farsi avvicinare dalle ragazze. È indispensabile che tu ti ponga in modo diverso dalle altre per riuscire a fare colpo. Non devi essere una delle tante, andando a confermare l’idea sbagliata che potrebbe essersi fatto sulle donne. In altre parole, non devi sembrare una che gli sta dando la caccia per via del suo aspetto fisico. Sii unica, divertente e affascinante! Questo significa che dovrai andarci piano e aspettare di averlo conosciuto bene

    • Si disponibile. Non chiuderti in te stessa e non essere scostante. Trova del tempo da dedicargli e fagli capire che sei disponibile a stare in sua compagnia. Sorridi e guardalo negli occhi. Non devi sembrare perfida, arrabbiata o asociale, altrimenti penserebbe che tu non sia ben disposta nei suoi confronti e finiresti con l’intimidirlo.
      • Invitalo a pranzare con te;
      • Sorridi e salutalo con la mano quando v’incrociate o lo noti mentre parla con i suoi amici;
      • Sii gentile anche con gli altri. Fagli capire che sei quel tipo di persona che è sempre disponibile ad ascoltare il prossimo. Sii gentile con tutti quelli che ti circondano, fai loro dei complimenti, non essere maleducata e dimostragli che non mordi.
      • Parla con lui. È importante interagire con lui. Parla con lui quando v’incontrate casualmente e cerca di trovare un motivo per parlarci più spesso. Più parlate, più diventerete intimi e questo è un ottimo modo per costruire un rapporto di amicizia che potrebbe trasformarsi in qualcosa di più.
      • Sii una buona amica. Quando avrete fatto amicizia, assicurati di essere una buona amica per lui. Sii solidale e divertente. Sii una persona che lui ammirerà e della quale potrà fidarsi. La maggior parte dei ragazzi vogliono al proprio fianco una ragazza con la quale hanno molto in comune, oltre all’esserne innamorati. Essere una sua amica intima renderà più facile per te interagire con lui e, per quanto lo riguarda, capirà che ha molto da guadagnare trascorrendo più tempo con te.
      • Cercate di conoscervi meglio. Cerca di conoscerlo come persona. Così facendo, scoprirai se è una persona per la quale val la pena provare dei sentimenti forti. Non deve piacerti tutto di lui, ma devi essere capace di accettare le differenze che ci sono tra di voi senza muovere delle critiche. Non puoi cambiare le persone, quindi è importante che lui ti piaccia così com’è.
        • Discutete di politica, religione, della vostra infanzia e della famiglia, così come pure della scuola e dei vostri sogni per il futuro. Scoprirai che tipo è come persona. Vedi, però, di stare attenta. Discutere in modo accesso su argomenti come la politica o la religione può infiammare gli animi. Fagli capire che sei interessata alla sua vita, ma non invadere la sua privacy.
        • Scopri che cosa avete in comune. È importante che vi piacciano le stesse cose (in modo da connettervi insieme) ma è altrettanto un’ottima cosa che vi siano delle differenze (in modo da sfidarvi a vicenda ad ampliare i vostri orizzonti). Parla con lui e scopri cosa avete in comune.
        • Scopri quali sono le sue intenzioni. Cerca di capire se è ben disposto in generale a intraprendere un rapporto. Forse ha già puntato qualcuna, oppure si è appena lasciato in malo modo e non è pronto per frequentare altre persone. Devi rispettare sia lui, sia i suoi sentimenti e la sua situazione attuale. Non essere troppo invadente se al momento non è in vena di una relazione.
        • Fagli dare il meglio di sé. Tutti vorremmo avere a fianco una persona che ci renda migliori. Questo ci fa sentire bene con noi stessi e ci rassicura sul fatto che possiamo essere delle brave persone, se lo vogliamo. Trasforma questo ragazzo nella migliore versione di se stesso, incoraggiandolo a fare le cose che ama e dandogli lo spazio per farle.
          • Ricorda: non essere condiscendente, non dargli consigli o aiuto indesiderati, e non cercare di cambiarlo in quello che tu vorresti che fosse. Aiutarlo a essere la versione migliore di se stesso significa incoraggiarlo a realizzare i suoi sogni, non trasformarlo nel tuo ragazzo ideale.
          • Dagli il buon esempio per aiutarlo a migliorare. Non criticarlo duramente, quando fa qualcosa di sbagliato. Questo lo farà sentire in modo orribile e inizierà a trovarsi a disagio quando sta in tua compagnia. Quello che dovresti fare, quando fa qualcosa che non ti va a genio, è dare il buon esempio per mostrargli come si dovrebbe comportare. Sicuramente hai il diritto di fargli presente che un suo comportamento particolare non ti è gradito, ma non essere cattiva e non cercare di controllarlo, ma aiutalo a cercare un modo per cambiare positivamente.
          • Cerca sempre di dare il meglio di te stessa. Mostragli che riesci a dare il meglio di te quando sei accanto a lui. Provagli che lui riesce a renderti una persona migliore. Nello stesso modo in cui tu desideri che lui dia il meglio di sé quando sta con te, anche lui desidera la stessa cosa per te. Insegui i tuoi sogni e pratica le attività che ti appagano, includendo anche lui in questa parte della tua vita. Chiedigli dei consigli per aiutarti a cambiare le cose di te stessa che non ti piacciono.
          • Mostrati indipendente. Dai prova della tua indipendenza, psicologica e fisica. Non hai bisogno che lui faccia le cose al tuo posto (anche se farlo sentire utile, qualche volta, non fa di certo male) e che sei in grado di pensare con la tua testa. Così facendo, rafforzi l’immagine che lui ha di te come persona pienamente sviluppata e interessante. Vuole una fidanzata, non una bambola gonfiabile.
            • Non temere di essere completamente onesta circa le tue simpatie e antipatie. Cerca di avere sempre una tua opinione e di non essere sempre d’accordo con lui.
            • Si te stessa. Altrimenti come faresti a capire se gli piaci per come sei fatta per davvero? Se fingi di essere quella che non sei, finirai per sentirti a disagio ogni volta che ti ritroverai in sua compagnia, e questa è l’ultima cosa che dovresti volere. Sentendoti a disagio in sua compagnia, ti sarebbe difficile instaurare un dialogo con lui e, se non riuscite a comunicare, sarà molto difficile far proseguire la relazione.
            • Non avere paura di fare la prima mossa. Se trovi un ragazzo con cui hai molto in comune, non aspettare che sia lui a chiederti di uscire. Se temi di non piacergli e hai paura a chiederglielo, fatti coraggio e fallo comunque. Può essere difficile, ma non ti farà male e hai solo da guadagnarci, in fin dei conti.
              • Lui potrebbe essere timido, quindi potrebbe non voler rischiare un rifiuto chiedendoti di uscire, poiché ti ritiene fuori dalla sua portata.
              • Sii una buona compagna. Cerca di farti una buona reputazione. Se si viene a sapere che sei una fidanzata esemplare, ti sarà più facile trovare un nuovo ragazzo in futuro. Sii divertente, attiva e solidale: una persona gradevole da avere nella propria vita.
Pagina successiva »
Powered by WordPress. Theme by H P Nadig